Alfred Eisenstadt

Editoriale Una breve storia della fotografia in bianco e nero

© Alfred Eisenstadt

“Il bianco e nero sono i colori della fotografia. Per me simboleggiano le alternative di speranza e disperazione a cui l'umanità è per sempre soggetta”. – Roberto Franco


─── di Rosie Torres, 16 febbraio 2022

La storia della fotografia in bianco e nero è in larga misura una storia del mezzo stesso, perché, molto prima che i fotografi catturassero il mondo con una cromaticità piena e vivida, lo facevano in bianco e nero.

Fotografia di ritratto, bianco e nero di Alexander Klang
Loejjie, 2018 © Alexander Klang (2° Premio, The Independent Photographer Premio Ritratto 2019)


Nel 1826, scienziato francese
Joseph Nicéphore ha esposto una lastra rivestita di bitume in una camera oscura per diverse ore e ha catturato un'immagine che avrebbe permutazioni sismiche. Intitolato Vista dalla finestra a Le Gras, si crede che sia la prima fotografia mai catturata, segnando l'inizio di un mezzo che avrebbe un impatto drammatico sul mondo in generale.

Prima fotografia mai scattata. Vista dalla finestra a Le Gras © Joseph Nicephore
Vista dalla finestra a Le Gras - Francia © Joseph Nicephore


Una dozzina di anni dopo, un altro francese,
Louis Daguerre, fece un altro intervento epico quando concepì il 'Dagherrotipo'. Il suo processo omonimo prevedeva l'uso di lucidato argentato rame che è stato trattato per rendere la sua superficie fotosensibile e poi esposto in una stanza per tutto il tempo necessario. La lastra sarebbe stata successivamente sottoposta a fumi di mercurio e trattamento chimico prima di essere risciacquata, asciugata e quindi sigillata dietro un vetro protettivo. 

Ritratto dagherrotipico di una donna non identificata realizzato da Mathew Brady tra il 1851 e il 1860. Storia di black & white fotografia
Ritratto dagherrotipico di una donna, 1851 ca - 1860 © Mathew Brady
Louis Daguerre Natura morta, 1837 ca
Natura morta, 1837 ca © Louis Daguerre


A causa del suo breve tempo di esposizione (rispetto a
metodo di Niceforo) il Dagherrotipo consentito per la fotografia di persone, dimostrato da lo stesso inventore in una delle prime iterazioni di successo che ha realizzato utilizzandolo. La sua rappresentazione ormai iconica del 1838 del Boulevard du Temple di Parigi, contiene due figure appena distinguibili (pensate per essere un lustrascarpe e il suo cliente), ritenute le prime persone mai fotografate.

Boulevard du Temple, Parigi, Francia, 1839 © Louis Daguerre History of Landscape Photography
Boulevard du Temple, Parigi, Francia, 1839 © Louis Daguerre


Il primo processo fotografico ad essere disponibile pubblicamente, divenne popolare nei decenni successivi, principalmente come mezzo per catturare ritratti, ma era ingombrante e complesso e quindi riservato esclusivamente ai professionisti.

Nel 1871, il fotografo inglese Richard Leach Maddox inventò il dry-plate (noto anche come processo di gelatina). Fino a quel momento, le lastre a vista dovevano rimanere bagnate per essere lavorate e la sua invenzione si prestava a un'esperienza notevolmente più semplice e pratica. Tuttavia, non è stato fino a quasi un decennio dopo, quando George Eastman, un giovane fotografo hobbista (e impiegato di banca) di Rochester, New York, sviluppò una macchina per la produzione delle lastre, che divenne disponibile in commercio.

Black & white ritratto di Abraham Lincoln di Alexander Gardner
Ritratto di Abraham Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, 16 © Alexander Gardner


Quattro anni dopo lo stesso giovane imprenditore innovativo fece un'invenzione ancora più importante: il film in rotolo flessibile, seguito, quattro anni dopo ancora, il primo Fotocamera Kodak, che è stato precaricato con un rullino da 100 esposizioni.
La portabilità e la semplicità delle fotocamere Kodak hanno trasformato la fotografia da un'attività riservata esclusivamente ai professionisti, a una accessibile anche ai dilettanti.

Uno di questi "dilettanti" era un adolescente di San Francisco di nome Ansel Adams, a cui suo padre regalò una macchina fotografica Eastman Kodak Brownie durante un viaggio di famiglia allo Yosemite National Park nel 1916.

Fotografia di paesaggi in bianco e nero di Ansel Adams, Yosemite Valley, USA, Inverno C.1959
Yosemite Valley Winter, 1959 circa © Ansel Adams


“Le nostre vite a volte sembrano uno studio in contrasto... tutto visto in assoluti di black & white. Troppo spesso non ci rendiamo conto che sono le sfumature di grigio che aggiungono profondità e significato alla severità di quegli estremi".
- Ansel Adams

Black & white fotografia di paesaggio di Ansel Adams
Owen's Valley California, 1937 © Ansel Adams C.1959
Fotografia di paesaggi in bianco e nero di Ansel Adams, montagne e alberi, Mount Clarence King, Kings Canyon National Park, California 1924
Mount Clarence King, Kings Canyon National Park, California 1924 © Ansel Adams


Adams sarebbe diventato il più importante paesaggio fotografo del 20° secolo (forse di tutti i tempi). Le sue rappresentazioni su larga scala dei paesaggi naturali degli Stati Uniti, che mettevano in mostra l'intero spettro tonale della pellicola in bianco e nero, hanno rimodellato il genere e hanno avuto un'influenza drammatica sulle leghe di illustri fotografi che lo hanno seguito.

 

Black & white street photography di Frances McLaughlin-Gill
Senza titolo, 1946 © Frances McLaughlin-Gill


Nel 1925, Oskar Barnack sviluppò l'ormai iconico Leica. La prima fotocamera a utilizzare la pellicola 35 mm (che era stata inventata da Thomas Edison circa trent'anni prima) era significativamente più leggera e compatta rispetto alle fotocamere box che dominavano il mercato all'epoca e quindi aprivano un mondo di possibilità fotografiche.

La Leica sarebbe diventata la fotocamera preferita da molti dei più importanti professionisti dell'epoca, pionieri del fotogiornalismo e street photography, che ha dimostrato la rara potenza dell'immagine candida. La sua invenzione, combinata con notevoli miglioramenti nella qualità del film, che ha consentito sfumature, dettagli, sfumature e contrasto, ha contribuito a galvanizzare una rivoluzione fotografica e i decenni successivi alla sua uscita sono stati tra i più importanti nella storia del medio.

Fotografia in bianco e nero di Dimpy Bhalotia
"Noi corriamo, tu voli", India © Dimpy Bhalotia
Coppia a Penn Station condivide un bacio d'addio prima che parta per la guerra durante la seconda guerra mondiale, NY, 1943. Fotografia in bianco e nero di Alfred Eisenstadt
Coppia a Penn Station condivide un bacio d'addio prima che parta per la guerra durante la seconda guerra mondiale, NY, 1943 © Alfred Eisenstadt


A metà degli anni '1930, Kodak fece debuttare l'ormai leggendario Kodachrome. Una pellicola a inversione di colore, ha consentito la cattura di immaginiltamente dettagliate con una cromaticità piena ed espressiva. Sebbene avrebbe raggiunto una notevole popolarità tra i fotografi commerciali e alcuni dilettanti, durante l'ultima parte del ventesimo secolo, per coloro che lavoravano in stili considerati più "seri", (con poche eccezioni degne di nota) il bianco e nero è rimasta la loro tavolozza di scelta.

Di conseguenza: lo zeitgeist di gran parte del 20° secolo: la vita quotidiana; guerra; momenti di sconvolgimento o disordini politici – è stato reso in tonalità di grigio.

Fotografia documentaria in bianco e nero di Robert Frank. Treno, New Orleans, 1955
'Trolley — New Orleans', 1955 © Robert Frank, Coutesy Pace/MacGill Gallery, New York


All'inizio degli anni '1980, la quasi supremazia del bianco e nero era diminuita, accelerata dall'emergere di una nuova ondata di influenti fotografi a colori che avrebbero ulteriormente dimostrato l'immenso potenziale del formato.

Oggi colore gode di uno stato quasi monolitico, onnipresente dai cartelloni pubblicitari ai social media; stampa riviste, giornali e in tutta la sfera online.

Fotografia in bianco e nero di Martin Munkácsi tre ragazzi che corrono nel lago.
Tre ragazzi al lago Tanganica, 1930 circa © Martin Munkácsi


Eppure, nonostante ciò, per alcuni professionisti moderni, i toni sottili del bianco e nero continuano a ispirare: una tavolozza che provoca, intriga e stimola l'immaginazione.

“Una differenza molto importante tra la fotografia a colori e quella monocromatica è questa: in bianco e nero suggerisci; a colori dichiari. – Paul Outerbridge


NB:
il 2022 Black & White Il premio è aperto per le iscrizioni fino al 28 febbraio e i fotografi sono invitati a presentare il proprio lavoro qui.


Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari