Richard Kalvar

Editoriale Richard Kalvar e il quotidiano

© Richard Kalvar

"La vita è una farsa, l'abilità sta nel dimostrarlo" - Richard Kalvar


─── Josh Bright, 6 agosto 2020

Da oltre cinquant'anni fotografo nato a New York Richard Kalvar ha catturato l'intrigante teatro della vita quotidiana in tutto il mondo con notevole arguzia e destrezza e una veridicità unica che evoca alcuni dei più grandi praticanti della storia.

In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, una donna guarda il suo riflesso nella vetrina di un negozio a New York City.
New York City, Stati Uniti. 1969


La sua introduzione al mezzo è avvenuta poco più che ventenne quando è stato assunto, per sua stessa ammissione "di punto in bianco" come assistente del fotografo di moda francese Jérôme Ducrot, che ha regalato a Kalvar la sua prima macchina fotografica.

Fu in questo periodo che scoprì il lavoro di André Kertesz, che lui afferma, “Had un modo estremamente personale di interagire con le cose ordinarie del mondo ", un approccio che risuonava con il giovane Kalvar, servendo come rinfrescante antidoto all'eccessivamente descrittivo e quindi a suo parere, "noioso", immagini che aveva precedentemente associato al mezzo.

In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, un gruppo di uomini a Washington Square, New York City.
Washington Square, New York City, Stati Uniti d'America. 1976
In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, Dog sedeva per strada a Parigi
Rue de L'ouest, Parigi, Francia. 1974
In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, due uomini vestiti da fiori a La Louviere, Belgio.
La Louviere, Belgio. 1979


Tuttavia, fu il suo lungo soggiorno in Europa, poco dopo, che catalizzò veramente il suo interesse, trasformando la sua crescente curiosità in una vera e propria passione:
"Sono andato da giovane curioso di vedere un nuovo mondo, e ho portato con me una macchina fotografica quasi come un ripensamento. Ma man mano che il viaggio andava avanti, ho scoperto che passavo sempre più tempo a scattare foto e mi divertivo sempre di più. Ho capito che stavo davvero cercando qualcosa di particolare nelle mie fotografie e ho iniziato a farmi un'idea di cosa fosse. Quando sono tornato a casa, dopo dieci mesi, ero totalmente ossessionato. Sapevo di essere un fotografo. "

In bianco e nero street photography di Richard Kalvar di bambini che giocano nell'erba. Girato a New York, Long Island
Capriole, Long Island. New York, Stati Uniti.


Questa affermazione coincise con la sua scoperta del lavoro di alcuni dei grandi del medium, in particolare Henri Cartier-Bresson, Robert Frank e, più tardi, Lee Friedlander, Diane Arbus e Elliot Erwitt. Sebbene ogni artista possedesse la propria sensibilità unica, erano uniti nella loro straordinaria maestria e nel loro approccio schietto e intuitivo, e questo ha dotato Kalvar dell'improvvisa comprensione che fotografa
"Potrebbe essere totalmente soggettivo, anche onirico", così 'liberatorio' lui "Dalla semplice descrizione".

Questa epifania avrebbe un significato profondo, ponendo le basi per l'approccio che rimane oggi al centro della sua pratica e ha generato alcune delle immagini più memorabili degli ultimi decenni.

In bianco e nero street photography di Richard Kalver, una gamba scompare in un cespuglio nei Giardini di Lussemburgo di Parigi.
Giardini di Lussemburgo, Parigi, Francia. 2000
In bianco e nero street photography di Richard Kalver un uomo che porta a spasso il suo cane incontra un coccodrillo in una fontana a Nîmes, nel sud della Francia.
Nîmes, Francia. 1989
In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, tre persone protese in avanti, Londra, Regno Unito.
Vicino a Oxford Street, Londra. 2015


Una figura nuda e contorta cammina in fretta lungo il ponte di Brooklyn; una gamba sporge da un minuscolo cespuglio in un parco parigino; nella città di Nîmes, nel sud della Francia, un uomo anziano e il suo cane incontrano un coccodrillo in una fontana, districati dai vincoli della narrazione e dagli obblighi di spiegazione, le raffigurazioni di Kalvar trasmettono le bizzarre idiosincrasie della vita quotidiana e offrono allo spettatore la libertà e spazio per reagire.

In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, una mostra di gatti a Parigi nel 1985
Cat show all'Espace Champerret, Parigi, Francia. 1985


La sua inquadratura e il suo tempismo sono impeccabili, incarnando il `` momento decisivo '', l'inafferrabile ipotesi di percezione di Cartier Bresson, esemplificata brillantemente in una delle immagini più famose di Kalvar e nella sua preferita personale, raffigurante due uomini in piedi in Piazza Della Rotonda a Roma, l'espressione sorpresa sulla faccia di uno apparentemente in risposta al getto d'acqua freddo che colpisce il collo esposto dalla bocca di un gargoyle vicino.

In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, due uomini in Piazza della Rotonda, Roma, Italia
Piazza della Rotonda, Roma, Italia. 1980


Assolutamente avvincente, palpabilmente viscerale e spesso venato di umorismo, il lavoro di Kalvar esemplifica la bellezza di street photography in un modo eguagliato da pochi, se non nessuno dei suoi contemporanei, e sebbene la frase a volte possa essere alquanto fuorviante, è a suo parere l'appellativo più appropriato del suo stile;

"Immagino che il termine (street photography) originariamente significava camminare per strada, cercare cose da fotografare e non sapere quale sarebbe stata la prossima. Ma cosa succede se esci dalla strada e entri? Devi smettere di fare foto? Quello che faccio davvero è Immagini-che-non-sono-solo-parte-di-una-storia, ma è un po 'imbarazzante, quindi perché non chiamarlo semplicemente Street Photography? Finché capisci che non si svolge necessariamente per strada. "

In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, due bambini in costume sulla spiaggia di Biarritz, Francia.
Biarritz, Francia. 1998
In bianco e nero street photography di Richard Kalvar di bambini che giocano nell'erba. Girato a New York, Long Island
Nottinghamshire, Inghilterra. 1974.
In bianco e nero street photography di Richard Kalvar, una gamba, una donna che mangia un gelato e un uomo che suona la chitarra a New York City.
New York City, Stati Uniti. 1970


Molto è cambiato da quando Kalvar ha scoperto per la prima volta la magia del medium circa 55 anni fa: ha seguito le orme di molti dei suoi simili predecessori quando si è unito al prestigioso
Magnum Agency nel 1975 dove sarebbe stato brevemente presidente e due volte vicepresidente.

Ha esposto ampiamente in tutto il mondo e pubblicato diversi libri fotografici, tra cui, in particolare, Earthlings, la sua retrospettiva del 2007. Eppure il suo approccio unico, "la connessione di base occhio a cuore a dito, con una deviazione occasionale attraverso il cervello ", rimane magnificamente, invariato.

Tutte le immagini © Richard Kalvar / Magnum Photos