Jill Freedman

Book Review Poliziotti di strada - Jill Freedman

© Jill Freedman

Settanta presenta Street Cops, la tanto attesa ristampa dell'iconica monografia del celebre fotografo di New York, Jill Freedman.


─── di Rosie Torres, 25 maggio 2022

Una delle più importanti praticanti del suo tempo, Freedman era una diligente fotografa di strada e documentarista che ha trascorso la sua vita a catturare le complessità della giornata, con rara veridicità e grazia. 

Ragazzi in auto da fotocopiatrice, New York, street photography di Jill Freedman da "Street Cops"


Attirata da coloro che si trovano ai margini della società, trascorreva spesso mesi immersa con i suoi soggetti, osservandoli attraverso il suo obiettivo mentre svolgevano la loro vita quotidiana.

Pubblicato originariamente nel 1981, Street Cops rappresenta il suo corpo di lavoro più iconico, uno che incarna la sensibilità e la perspicacia per cui è rinomata.

Due poliziotti nel corridoio degli angoli, New York, street photography di Jill Freedman da "Street Cops"


New York City negli anni '70 era un luogo turbolento. In mezzo ad estagnazione economica e declino industriale, e di fronte alla minaccia del fallimento, il governo della città ha licenziato i lavoratori e tagliato i servizi municipali. I già alti tassi di disoccupazione sono aumentati vertiginosamente, portando all'erosione della società e a un drammatico aumento della criminalità.

Nel mezzo di questo tumulto, Freedman, nel corso di due anni, ha accompagnato in prima linea gli agenti della polizia di New York di due distretti di Manhattan (Midtown South e Ninth), fotografandoli mentre rispondevano a un'ondata di criminalità.

Ragazzo nel retro di un'auto, strada, fotografia documentaria di Jill Freedman di "Street Cops"
Poliziotti che portano un criminale arruffato giù per le scale di New York, street photography di Jill Freedman da "Street Cops"
Poliziotti con un uomo vestito di carota, New York. Street photography di Jill Freedman da "Street Cops"


A quel tempo, la corruzione e la cattiva condotta della polizia erano diffuse. Aver documentato The Poor People's Campaign (successiva all'assassinio di Martin Luther King) e ha assistito alla risposta della polizia alle proteste in Vietnam, oltre che per la sua naturale affinità con gli emarginati, Freedman inizialmente ha affrontato il suo compito con un certo livello di scetticismo. Tuttavia, nel tempo, è riuscita a vedere il buono in alcuni ufficiali.

Poliziotto che trascina fuori il criminale, New York, street photography di Jill Freedman
Poliziotti che mostrano le loro magliette. New York, street photography di Jill Freedman
Poliziotti, polizia. New York, street photography di Jill Freedman


Come per tutto il suo lavoro, le sue immagini sono intime, penetranti e incrollabilmente oneste. Viscerali e candidi, trasmettono New York City nella sua forma più cruda; spogliato di ogni rivestimento, le sue numerose fessure messe a nudo per essere viste da tutti. Eppure, allo stesso tempo, c'è una tenerezza nell'immaginario, sostenuta dallo stesso profondo umanesimo che ha galvanizzato gli architetti di tale fotografia decenni prima.

I bambini scherzano con la pistola giocattolo. New York, street photography di Jill Freedman. Da "poliziotti di strada"


Rappresentazioni sorprendenti di violenza e povertà: vittime di pugnalate, imbevute del proprio sangue (reso viscosa e ossidiana dal black & white film); giovani tossicodipendenti, alcuni appena pubescenti e anziani vittime di rapine, confusi e soli, sono imbevuti o giustapposti a momenti di cameratismo, umorismo, benevolenza e compassione, un'attestazione della capacità dell'umanità di brillare, anche nelle condizioni più miserabili.

Inoltre, nonostante la natura dell'argomento, le rappresentazioni di Freedman non scendono mai nel gratuito, né sono voyeuristiche, un'accusa spesso rivolta a fotografie di soggetti simili. 

Poliziotto con 3 bambini. New York, street photography di Jill Freedman


Accompagnato da semplici didascalie, o spesso, da prosa riflessiva, (sia lei che i suoi sudditi di polizia) Street Cops, racconta all'umano stories dietro un periodo travagliato nella storia di New York City, e sebbene possano essere passati quattro decenni dalla sua pubblicazione originale, conserva rilevanza nei nostri tempi difficili e polarizzati. Mentre, per Freedman, morta tre anni fa nella sua città natale adottiva, alla fine sarebbe diventato un tributo al coraggio e alla compassione dei suoi eponimi.

"Questo è per i bravi ragazzi, quelli che si prendono cura e cercano di aiutare"

(Estratto dall'introduzione di Street Cops)

_____________________

Street Cops è ora disponibile tramite Settanta

Tutte le immagini © Jill Freedman