Lewis hine

Editoriale Una breve introduzione alla fotografia di ritratto

© Lewis Hine

Nel 1829 l'artista francese Louis Jacques Mande Daguerre strinse una partnership con il collega inventore Joseph-Nicephore Niépce. Insieme hanno cercato di sviluppare un metodo per catturare le immagini visibili in una camera oscura.


─── Edward Clay, 11 ottobre 2019


In anni di sperimentazione, Daguerre raggiunse il successo nel 1834, dando vita al dagherrotipo. Un lucido foglio di rame argentato trattato con iodio per renderlo fotosensibile sarebbe esposto sotto una lente, quindi "fissato" utilizzando vapore di mercurio. 

Eloise Johnson Bennett, 1920 © Louis Daguerre

Riconoscendo l'enorme potenziale di questa invenzione, il governo francese fece un accordo con Daguerre, acquisendo i diritti sul processo, quindi lo presentò al pubblico come un dono al mondo dalla Francia.

Da qualcosa che era esistito all'interno del regno dell'aristocrazia e dei membri dell'élite, la fotografia si è evoluta come un modo per preservare la storia. Uno di questi esempi è il lavoro di Samuel Cohner e Julian Vannerson che fotografarono 90 delegati nativi americani che visitarono Washington nel 1857 nel tentativo di conciliare i legami tra coloni e nativi.

Capo del repubblicano Pawnee, 1858 © Julian Vannerson e Samuel A. Cohner
Psi-tsha Wa-King-a (Jumping Thunder) un guerriero degli Yankton Sioux, 1958 © Julian Vannerson e Samuel A. Cohner

Quando iniziò la guerra civile americana nel 1861, le persone temevano che non avrebbero mai più rivisto i loro cari. Di conseguenza, c'è stato un boom nella fotografia di ritratto: possedere un record di un membro della famiglia o di un amante potrebbe aiutare le persone a ricordare come appariva il loro soldato se fosse perso in battaglia.

La fotografia era un metodo più semplice e veloce per ottenere l'immagine di una persona cara durante i periodi di forte richiesta, o quando ritratto artisti e illustratori hanno avuto poco tempo. La fotografia è stata utilizzata anche per ricordare i propri cari che sono morti.

Fotografia di ritratto di Pvt. Edwin Francis Jemison, 2 ° reggimento della Louisiana, CSA
Ritratto di Pvt. Edwin Francis Jemison, 2 ° reggimento della Louisiana, CSA


Laddove gli artisti della ricostruzione avevano aiutato con i bozzetti della polizia nelle indagini sui crimini, la fotografia ora si è dimostrata uno strumento utile per l'azione penale. Le autorità hanno iniziato a utilizzare fotografie sui manifesti dei ricercati e hanno potuto mantenere la faccia di un ex detenuto nei loro registri per riferimento futuro. L'agenzia investigativa nazionale di Allan Pinkerton iniziò a fotografare i criminali nel 1870, dando inizio a quella che divenne la più grande raccolta di foto segnaletiche al mondo.

Herbert Cockran arrestato il 24 novembre 1899 per furto con scasso © Fotografo sconosciuto della polizia
Fotografia ritratto di Charles Martin arrestato per rapina in banca, 15 febbraio 1898
Charles Martin arrestato per rapina in banca, 15 febbraio 1898 © Sconosciuto fotografo della polizia


Quando l'Eastman Kodak la società ha introdotto la prima fotocamera portatile da 35 mm per il mercato di massa nel 1888, che ha cambiato per sempre il volto della fotografia di ritratto. La fotografia è stata improvvisamente accessibile al grande pubblico, provocando un'esplosione di autoespressione e creatività.

Non molto tempo dopo, nel 1896, The Smithsonian Institution iniziò a collezionare ed esporre fotografie con molte altre gallerie che seguirono l'esempio, legittimando la fotografia come forma d'arte.

Breaker Boys che lavorano a Ewen Breaker, Pennsylvania Coal Co. 1910 © Lewis Hine

In 1906, Sociologo e fotografo americano Lewis Hine è stato assunto per documentare le pessime condizioni di lavoro con cui i bambini lavoratori stavano lottando in diverse fabbriche del USA.

I suoi ritratti hanno mostrato l'umanità di questi individui e hanno contribuito a far passare le riforme sul lavoro minorile, come il Fair Labor Standards Act del 1938. Questo evento ha reso le persone consapevoli del potenziale che la fotografia aveva per il cambiamento sociale.

Addie Card, 12 anni. Spinner in Cotton Mill. Vermont, 1910 © Lewis Hine
Paris Waif, 1918 © Lewis Hine
Fotografia di ritratto di Georgia O'Keefe, la moglie dell'artista di Alfred Stieglitz
Georgia O'Keefe, la moglie dell'artista, 1933 © Alfred Stieglitz

Nel 1922 Alfred Stieglitz e Edward Steichen formarono il Movimento foto-secessione, un gruppo dedicato ad aiutare la fotografia ad ottenere l'accettazione come arte.

Utilizzando tecniche sperimentali per modificare le proprie fotografie, il Movimento foto-secessione è stato ispirato da altri mezzi e ha cercato di dimostrare le possibilità che la fotografia poteva offrire.

Fotografia ritratto di Gloria Swanson, 1924 da Edward Steichen
Gloria Swanson, 1924 © Edward Steichen

Il crollo del mercato azionario nel 1929 portò a un altro balzo in avanti nella ritrattistica. Le fortune delle persone durante la notte furono ridotte a nulla, sostanzialmente rendendo tutti uguali nella loro povertà.

Il potere umanistico della fotografia era più evidente che mai e nel 1935 il governo degli Stati Uniti assunse fotografi per documentare la vita nelle campagne d'America. Uno di questi fotografi era Dorothea Lange, le cui immagini si sono radicate nella coscienza moderna.

Fotografia ritratto di una madre migrante, 1936 di Dorothea Lange
Madre migrante, 1936 © Dorothea Lange


La ritrattistica è diventata un modo per le persone di interagire e almeno entrare in empatia con persone di ogni estrazione sociale. 
Sebbene la fotografia professionale rimanga un lusso per i ricchi, gli smartphone e le app fotografiche rendono facile per il viso di chiunque diventare una sensazione improvvisa e hanno completamente democratizzato il mezzo.

 

Tutte le immagini © dei rispettivi proprietari